Il sito è attualmente in manutenzione.
Ci scusiamo per il disagio.



FAQ

 

Posso scaricare liberamente i testi?

 

Si, ricordando però che sono coperti da copyright: pertanto in caso di pubblico riutilizzo è doveroso citare Biblioteca Italiana come fonte, esattamente come si farebbe con un libro. È ovviamente vietata ogni forma di riutilizzo a scopo commerciale.

 

Chi ha curato le edizioni elettroniche dei testi?

Ogni testo ha una sua storia, che si può ricostruire visualizzando il file in formato xml: nella parte iniziale ("TeiHeader") sono registrate tutte le informazioni relative al testo e alla sua storia.
La redazione centrale di Biblioteca Italiana in ogni caso, oltre a curare in proprio l'edizione di molti testi in tutte le loro fasi (acquisizione, revisone e codifica), si occupa della gestione dei metadati e di verificare la correttezza della versione xml di tutti i testi che le pervengono, per la cui codifica ha stabilito uno standard. Lo scopo di Biblioteca Italiana è infatti garantire edizioni elettroniche originali, assicurando elevati standard di qualità e affidabilità. 

 

Cos'è il "teiheader"?

TEI (Text Encoding Initiative) è la sigla che identifica un progetto internazionale per sviluppare un modello di codifica normalizzato dell'informazione testuale in formato elettronico. Il TEI header è la parte iniziale del testo codificato, una sorta di testata che precede il testo vero e proprio (TEI text ), ed è delimitato da un tag di apertura ( <teiHeader >) e un tag di chiusura ( </teiHeader >). All'interno di questi due tag sono contenute tutte le informazioni editoriali relative al testo in questione, da quelle bibliografiche ai criteri di codifica, passando per tutte quelle informazioni non-bibliografiche che accompagnano un testo: la descrizione, soprattutto nel caso di manoscritti, ma anche la storia delle revisioni, degli interventi di correzione, di eventuali normalizzazioni in fase di trascrizione, ecc... 

 

Ho scaricato un testo in formato xml ma non riesco ad aprirlo: con quale programma lo devo aprire?

Il file in formato xml, oltre a essere visualizzabile on line, una volta scaricato si può aprire con qualsiasi editor di testo, trattandolo come un file .txt È possibile anche cambiargli l'estensione (da.xml a .txt) in modo da poterlo comodamente aprire con la propria versione di word o altro editor di testo. Ovviamente in questo modo accederemo alla sorgente dell'xml, vedremo cioè tutti i tag di codifica. Esistono anche degli editor specifici per xml: per avere un elenco di quelli disponibili on line si può ricorrere a qualsiasi motore di ricerca. 

 

Il file in formato xml e quello in formato html sono identici?

Non dal punto di vista delle informazioni accessorie conservate (per esempio l'indicazione del nome del codificatore) ma assolutamente sì dal punto di vista del testo letterario: l'html infatti è generato automaticamente dall'xml, e ha prevalentemente una finalità pratica: permettere una più facile consultazione del testo. 

 

Cosa sono le collezioni speciali?

Sono dei progetti di ricerca indipendenti curati da alcune delle unità operative del progetto Cibit, che rientrano nel progetto più ampio di preservare il patrimonio culturale e letterario italiano favorendone la diffusione e lo studio attraverso gli strumenti informatici 

 

Ho pubblicato un libro: posso proporlo alla biblioteca italiana per la pubblicazione on line?

Si può mandare una mail dando tutte le informazioni sul libro, e allegando il testo in formato rtf e una liberatoria sui diritti d'autore, indicando anche se si intende o meno rendere possibile lo scaricamento. Il comitato scientifico vaglierà l'offerta e deciderà se la pubblicazione del libro in questione rientra nello specifico di Biblioteca Italiana. Sono in ogni caso esclusi dalla pubblicazione, almeno per il momento, tutti gli inediti, nonché tutti quei testi che non siano ricollegabili per i contenuti o per l'origine alla letteratura italiana.

È possibile collaborare con Biblioteca Italiana?

Biblioteca Italiana si avvale di codificatori xml esperti, con un curriculum di studi oltre che di esperienza professionale di alto livello. Al momento non sono necessari altri codificatori, sconsigliamo pertanto l'invio di curriculum che verrebbero semplicemente archiviati. Qualora si rendessero necessari nuovi collaboratori lo segnaleremo sul sito. 

 

Ho segnalato un sito secondo me molto bello relativo alla letteratura italiana, ma non lo avete inserito nella vostra pagina di risorse di rete: perché?

Chiunque invii una segnalazione riceve entro un lasso di tempo variabile ma mai eccessivo (di solito entro una settimana) una risposta. Biblioteca Italiana ha scelto di indicare solamente quei siti che per ricchezza di contenuti e serietà di gestione si offrano come buoni punti di partenza per ricerche più specifiche: non sono pertanto segnalati siti estremamente belli e interessanti ma specifici. Tutte le segnalazioni vengono comunque visionate dalla redazione e reindirizzate ad altre redazioni web che possano essere interessate alla segnalazione. 

 

Ho cercato un famoso autore/testo della letteratura italiana, ma non risulta in catalogo.

A parte verificare di aver immesso correttamente i parametri di ricerca (autore o titolo) è possibile che non si trovi un testo: il catalogo di Biblioteca Italiana è in continua espansione, e ci sono sempre nuovi testi in lavorazione. L'obiettivo è di avere un catalogo completamente esaustivo, ma i tempi per raggiungere tale obiettivo non possono essere brevi. Comunque se segnalate di quale testo avete bisogno la redazione vi farà sapere se è già in lavorazione e quali sono i tempi previsti per la pubblicazione. 

 

Perché non ci sono testi di letteratura straniera?

Perché Biblioteca Italiana si occupa esclusivamente di letteratura italiana e di testi chiave della cultura italiana.