Marsilio Cortesi - Della presa di Modone per opera dei Turchi: «Valido raggio Febo mio verace»